La scadenza

Come a molti capita nella vita lavorativa, esistono momenti particolarmente pregnanti in cui è necessario uno sforzo supplementare per onorare una scadenza.

Talvolta addirittura accade che il Fato o Chi Per Lui somma le incombenze, le moltiplica, ne fa prodotti notevoli e fattoriali, e alla fine ti ritrovi sotto un’ondata di incombenze che sa più di tsunami, l’unico è cercare di portare tutto a compimento e salvare la pelle, non importa quante ore extra sarà necessario destinare.

I primi giorni sono un circolo virtuoso, idee su idee, pensieri produttivi subito convertiti in azione, quattro ore di sonno e non sentirle, completamente presi nel delirio lavorativo, occhio invasato da Giovanna D’Arco e mani febbrili. Si costruiscono impalcature di cattedrali, tutto uno sforzo verso l’alto.

Lentamente, con il passare dei giorni a questi ritmi, lo sguardo diventa fisso, le idee scorrono più lente, si fanno piccoli sbagli stupidi, inizia a subentrare l’apatia verso tutto, una lieve sensazione serpeggia che non ce la farai mai, non ce la puoi proprio fare. L’universo intero è rallentato e viscoso mentre tutto attorno a te piovono impegni inimmaginabili, e devi continuare a correre e portare la fiaccola in una notte lunga e nera.

E’ tempo di mollare solo per una sera, di provar a prender sonno davanti a una tazza di vin caldo cercando di trovare lo spirito dell’invasata, della folle costruttrice di ponti sull’ignoto.  Serve riorganizzare le forze, tenere duro l’ultima settimana e far meta finalmente, ancora sette giorni di apnea e assenza, e onoriamola questa benedetta scadenza!

Annunci

37 thoughts on “La scadenza

  1. Tieni duro, Soleil, per quest’ultima settimana di pressione, anche se a volte ti pare di non farcela.
    Dopo, potrai rilassarti e ‘resettare’ la mente (il corpo forse no, perché c’è sempre la ‘seconda vita’ che incombe. Ma lì c’è il mondo degli affetti, a dare una mano. Anche concreta.)
    Un abbraccio affettuoso da una città innevata (io che sono generosa di natura ;-), te ne invierei, di neve, una quantità a tuo piacimento, eheheh)
    Ciao!

    • Grazie cara Mariella. La settimana in qualche modo è andata, ora si continua a lavorare da casa con tutti i prodigi tecnici che rendono possibile il lavoro in remoto. E forse si riesce a conciliare prima e seconda vita, e forse la terza 🙂 Cavoli, la tua zona deve essere spettacolare di questi tempi, ho pure un collega tuo conterraneo. Un bacio Mariella cara

  2. Hai descritto benissimo il momento di ansia e di apnea nel quale il fisico e la mente si ritrovano prima di un importante obiettivo. M’hai fatto venire i brividi e “salvare la pelle” è quasi uno schiaffo. Ma è la vita, questa, la vita di chi lotta con dignità e senso del dovere.
    Forza, Sol, forza…
    Ti abbraccio forte.

    • Linda bella, è appunto la vita che ha gusto, perché alla fine quando mi chiedo “che me ne viene da tutto questo?” mi rendo conto che cercare di fare il lavoro al meglio è la migliore soddisfazione. Dignità e senso del dovere, dici bene. Un abbraccio strettissimo!

  3. Dai Soleil, in questi momenti bisogna pensare “PASSERA'”…
    ti abbraccio, ti penso spesso….Natale arriva e con esso, forse non per tutti, le vacanze e la possibilità non dico di rilassarsi, ma di fermarsi..torretta

    • Torretta cara, stiamo procedendo, la fase uno è passata. Resta molto da fare ma conto di farlo da casa, il che giova, contando che nei momenti di sperdimento ho le facce buffe dei miei bimbi e quella baldanzosa del mio marito a darmi manforte. Per cui ci saranno fermate, poche ma di qualità. Auguro anche a te di fermarti e di tirare un bel respiro in queste vacanze…. Fammi sapere se decidi di andare in palestra eh? sai che a me sta aiutando tantissimo…

      • ciao soleil, al momento la mia gamba/ginocchio sono ancora in piena convalescenza, sto ancora con le stampelle, ma cammino ogni giorno meglio.ti abbraccio forte anche io. Passa un Buon Natale insieme alla tua famiglia,torretta

      • buon Natale Torretta bella, spero che tu quella stampella possa buttarla presto, prestissimo. Ti abbraccio forte, auguri ancora… il Natale qui è passato sereno nonostante le mie paturnie lavorative…leggo che anche per Viola è stato un Natale poco in forma. Spero di sentirvi presto al meglio! Un abbraccione e concentriamoci sul nuovo anno!

  4. …. e imparare a DELEGARE TUTTO CIO’ CHE PUOI DELEGARE!!!!! anche se non verrà fatto tutto come tu l’avevi in mente, pazienta! l’importante è coinvolgere tutti, perché tutti si sentano importanti e parte di qualcosa e se all’inizio recalcitreranno, ma devono capire che quando bisogna dare una mano, si deve muovere il c_lo e farlo anche se non va!!! ;D vivrai una vita migliore. certo le cose non saranno “perfette” come le avevi immaginate, ma avrai più tempo e loro DEVONO imparare!

    • Renata, su questo hai ragione da vendere. Delegare non è mai stato il mio forte, sono sempre stata la dura che incassa, e parte per le sue missioni sul cavallo dei suoi pantaloni. A casa in questo periodo ho delegato molto (e ringrazio il mio compagno per avere assorbito il colpo), sul lavoro devo lentamente imparare.

  5. sai comprendo benissimo questo stato di ansia che ti opprime e quella voglia che tutto passi così… chiudendo semplicemente gli occhi una sera e risvegliarsi dopo che sia tutto finito…
    tu sei una donna forte e sai che ce la farai e sai che non la darai mai vinta alla “scadenza” no?

    un bacio grande

    • grazie Cassandra bella, la tentazione di sognare di risvegliarsi dopo c’era, come c’è la sensazione di non voler perdere niente del momento di concentrazione e sforzo, come in una gara sportiva. Hai ragione, ho la pellaccia dura e mi piacciono le sfide. Un bacio, bellezza.

  6. Forza e coraggio che la settimana volerà e arriverà non solo un weekend di riposo ma giorni di festa speciali ed allora potrai staccare la mente e concentrarti sugli affetti…forse non sarà riposo ma sarà respiro e ossigeno puro per i prossimi progetti, scadenze e impegni…vai e vinci!

    • Grazie Mamma Avvocato! Lo sforzo continua, fortunatamente da casa, e almeno varie ore saranno distese… il resto del tempo devo continuarlo a consacrare, se va bene fino al 31 dicembre, se va male anche dopo. Ma cercheremo di vincere noi!

  7. Quando si entra in certe centrifughe diventa impossibile uscirne se non correndo il rischio di esserne sparati fuori a tutta velocità e a chissà quale distanza. Cogli l’occasione del Natale per staccare veramente la spina e dare al tuo corpo e alla tua mente tutto il riposo di cui hanno bisogno!

    • lo sai che stasera con mia mamma ho usato la stessa espressione, mi sentivo sparata fuori da una centrifuga. Lo stacco della spina sarà parziale, ma già il fatto di stare in famiglia, di fare pranzi decenti e di non ingollare in fretta quattro cose dovrebbe essere assai rincuorante. Spero che non sia stata per te troppo pesante l’ultima settimana, eri immerso in un periodo di tanto lavoro.

    • grazie cara Renata, tanti cari auguri a te, e buoni festeggiamenti con i tuoi figli e i relativi compagni! per me sarà dolce, anche poche ore hanno un buon gusto, e son nettamente meglio dei giorni scorsi. Un abbraccio!!!!

  8. Tanti anni fa, agli operai tessili, l’introduzione dei telai a vapore, non portò benissimo.
    qualche anno fa, i profeti dell’informatica ci favoleggiavano che con l’introduzione di PC e il conseguente aumento della produttività avremmo lavorato meno ore…
    Ci hanno ingannato.
    Abbiamo fatto al fine degli operai tessili.
    E siamo più deboli, pur di non perdere il nostro treno, accettiamo cose in altri contesti riterremmo folli.
    Quanto durerà tutto questo?
    (intanto buona fortuna!)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...