Passioni

Per me nulla è stato così sensuale come un gruppo organizzato di neuroni splendidamente funzionante, una logica inopinabile, una dialettica sferzante. Davvero, per quanto potessi essere sensibile – a livello di battute e di sguardìno fatto cadere negligentemente – al bell’aspetto e al muscolo tonico, le passioni invece -quelle vere, divoranti, che da pensiero recondito si fanno ossessione e che ti fanno bramare la presenza dell’altro e i suoi abbracci – quelle sono state tutte scatenate dall’intelletto. E talvolta arrivavano impetuose per persone che a primo sguardo non avrei considerato minimamente.
Qualcuno chioserà che m’ero ben scelta la nicchia ecologica: difatti non posseggo un fisico statuario ed era difficile sorpassare la fila delle bellocce aspiranti all’addominale tonico e al bicipite pulsante, o all’esteta elegantissimo dalle unghie perfette e dalle file di denti allineate e brillanti, come gioielli. Tanto meglio.
Eppure tutte le mie passioni, quelle piccole e quelle grandi, m’hanno travolto, spesso investito senza che le cercassi.
L’esempio più grande è quello del mio compagno, l’uomo che condivide con me la quotidianità dei nostri giorni e il calore della famiglia che abbiamo creato, che m’ha stregato raccontandomi di spazi di Sobolev, facendo lucide analisi d’attualità politica e bevendo con me boccali di birra senza reconditi sensi di colpa. E di questo mi rendo ben conto, abbiamo la fortuna di costruire un piano a lungo termine per la nostra vita, un piano rispettato e condiviso da tutti coloro che stanno intorno, che ci riconoscono come coppia, come unione davanti alla legge e agli uomini.
Finora non m’è capitato di innamorarmi di qualcuno del mio stesso sesso, ma non avrei potuto escluderlo, visto che per strane leggi del desiderio da me l’ormone ha sempre seguito il neurone. Etero, omo, sono solo etichette, la vita spesso travolge e mischia le carte.
Però il mio pensiero va a coloro che han deciso di costruire una vita semplice e schietta insieme all’amato dello stesso sesso e i codici di comportamento dei benpensanti e la legge forzano a un presente di clandestinità, e a situazioni estreme come talvolta la porta della terapia intensiva  in cui chiunque con un minimo legame di consanguineità passerà davanti perché il loro essere coppia stabile non viene riconosciuto. Non è giusto, bisogna cambiar le cose.

Questo post segue con molto ritardo e da prospettiva intimista le idee forti lanciate da Mel, seguito da ‘povna e molti altri lo scorso 17 maggio, giornata contro l’omofobia. Fuori tempo, ma è bene che se ne parli.

Annunci

26 thoughts on “Passioni

  1. Altroché se è bene che se ne parli. Io davvero l’omofobia non la capisco, non fa parte delle cose che il mio limitato cervello riesce a comprendere.
    Non ne capisco le ragioni, il senso.
    Sono come te: anche a me i belloni senza spessore non sono mai piaciuti, e le peggiori cotte le ho prese sempre per persone che mi hanno preso “di testa”. Ed erano oggettivamente brutti, senza se e senza ma!
    L’unica eccezione è Brontolo che è molto intelligente ed è pure caruccio 🙂

  2. Come te, anche io non sono mai stata attratta dai fustacchioni, forse anche perché consapevole che loro non si sarebbero interessati a me 🙂
    Di un uomo mi colpisce l’intelligenza, il cervello, il resto è secondario.
    Per quanto riguarda le coppie gay quando sarà varata una legge che le tuteli sarà sempre troppo tardi. Ormai in tema di diritti siamo gli ultimi Paesi al mondo, e non mi pare che su questo argomento il Governo faccia passi avanti.

  3. e quante unioni etero sono fatte di ipocrisia? pensiamoci. per me l’amore non ha e non deve avere confini. quando è vero, sotto la luce del sole, illuminante come un faro nella nebbia è giusto che si debba vivere, perché senza amore è come escludere la poesia dalla nostra vita, il senso pieno delle cose…

    • vero, di situazioni immerse nell’ipocrisia ce ne sono parecchio per tutti i gusti. Ma togliere la possibilità di vivere alla luce del sole anche per chi è semplice e lineare nel proprio progetto di vita comune mi sembra ingiusto.

  4. Cara tu sai che se in un’altra vita rinasciamo lesbiche ti corteggerei senza se e senza ma, mi conquistasti ai tempi del trasbordo su word press….ed anche qui l’alchimia scattò su questione poche romantiche ma su un freddo file xml….ovviamente mi auguro che davvero un giorno questa giornata debba essere cancellata perchè non ci sarà più bisogno di ricordare certe ovvietà

    • ammmore, lo sai che l’appuntamento per la prossima vita c’è e rimane, e se Dante scrivesse ai giorni nostri direbbe “Galeotto l’xml e chi lo scrisse” ! :D. Anche io mi auguro che questa giornata sia cancellata, ma nel frattempo bisogna parlarne in lungo e in largo in modo che la società si renda conto che siamo pronti a recepire una legislazione in questo senso.

  5. Anch’io ho colpevolmente lasciato passare la data e l’appello post di Povna eppure il mio appoggio è incondizionato… non fosse altro per i tantissimi amici che ho!

  6. Riconosco, in quella esaltazione intellettuale che descrivi, molte delle mie corde. E chissà perché non mi stupisce nemmeno un po’. E anche io, come te, mi chiedo come sia possibile non rendersi conto dell’insulso privilegio che una civiltà eterosessuale si è auto.-attribuita. Una vergogna.

    • è bello scoprirsi un po’ simili e un po’ sorelle a distanza 🙂
      dici bene, è una vergogna. A me dispiace che per molti non ci sia un atteggiamento laico e distaccato nel realizzare che i progetti di vita comune hanno pari dignità comunque, a prescindere dal sesso dei componenti la coppia.

  7. Ogni volta leggo delle prese di posizioni becere e violente nei confronti degli omosessuali (per non parlare di violenze vere e proprie), non posso fare a meno di chiedermi il perché. Rappresentano forse un pericolo per i cosiddetti ‘normali’?
    E chi siamo, noi, per arrogarci il diritto di decidere quale deve essere il giusto comportamento sessuale di ciascuno?
    Una vergogna.

    • anche io rimango stupita… non vedo tutto questo scandalo, questa insidia per il vivere civile. Il sesso tra adulti consenzienti è affar privato, e l’amore che porta a pianificare la vita insieme è bello, qualunque sia la tipologia della coppia

  8. Non sono contro nessuno e rispetto la libertà di tutti, omosessuali compresi. Ma sai qual’è il problema, secondo me? Che ci sono omosessuali discreti ed altri che hanno fatto della loro situazione un vanto, rendendosi ridicoli. E così facendo hanno generalizzato la cosa, riducendo tutti allo stesso infimo livello. Conosco omosessuali della prima specie che condannano e si dissociano dai loro stessi denigratori. Non vorrei essere frainteso…

    • io credo che in tutte le categorie possibili ci siano le persone esibizioniste fino a spingersi al ridicolo… sicuramente ce ne sono per gli omo, ma per gli eterosessuali è la stessa storia (hai presente le gesta di un arzillo vecchietto balzato alle cronache per i suoi consessi retribuiti di starlette? e di quel giornalista arzillo pure lui che smistava il traffico di “carne”? ecco, per me gran parte degli etero si dissocia 😀 )

    • Ho sempre creduto che i grandi sostenitori dell’amore etero abbiano qualche problemino non dichiarato o non ammesso, neanche al buio della loro coscienza, quasi che coloro che, invece, hanno avuto il coraggio di trovarsi suscitino in loro invidia profonda.

      Un bacio, bellezza!
      p.s. nell’amore di testa, le emozioni sono indescrivibili, altro che figaccioni senza cervello! 🙂

  9. Che fortuna e che ricchezza provare l’amore con l’altro sesso e con lo stesso sesso.
    Che bel post, soprattutto le birrozze bevute insieme (amo la birra infinitamente) e i discorsi intellettuali che ti hanno conquistata…per me è molto simile la fascinazione che più volte “ho subito” nella mia vita. Non esiste e non deve esistere alcuna discriminazione…quanti bei film mi è capitato di vedere che ben raccontano amore omosessuale…ora si dice “queer”???? Agrimonia sei troppo forte!!!!!!!

    • Torretta, hai ragione, l’amore è comunque una ricchezza incredibile, il sesso del destinatario è solo un dettaglio! Mia cara, mi fa piacere che birrozze e belle discussioni siano state anche per te seducenti. E lì si vede che senza neanche conoscerci abbiamo passati simili e apprezziamo questi sollazzi, un certo grado di familiarità c’è!
      Sui film con bellissime storie d’amore omosessuale, tanto tempo fa sono stata per anni spettatrice di gay tv, c’erano pellicole per niente banali, belle storie d’amore, date in lingua originale, davvero una bella programmazione. Oltre che certe serie come Queer as a folk (quella inglese) che mi hanno divertito e emozionato tanto! Poi son venuti i figli e insieme pochissimo tempo di veder la tele…
      Agrimonia my precious è un mito, concordo!

  10. mmm … io vivo senza pormi troppi problemi in merito. Amo la libertà, la mia e quella degli altri. Per me ognuno può amare che vuole, dello stesso sesso o dell’altro.. credo che sia una cosa insita dentro di se: ci sono persone che sono attratte dai biondi o dagli alti o dalle menti illuminate… e qualcuno è attratto da persone dello stesso sesso. Niente di più bello di trovare l’amore. In qualsiasi forma.
    (N.B. a me qualche cosa di bello da vedere non dispiace… eh, però il marito l’ho scelto perchè prima era mio amico e mi ha attirato il piacere che mi dava, ogni giorno condividere tutto con lui)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...